Faksimile

Text

Ma
box 22/2
16.3. Die letztensken
Telephen 12.801.
= OBSERVER“
1 österr. behördl konz. Unternehmen für Zeitungs-Ausschnitte
Wien, I., Concordiaplatz 4.
Vertretungen
in Berlin. Budapest, Chicago, Christiania, Genf, Kopen¬
hagen, London, Madrid, Mailand. Minneapolis, New-Vork,
Paris, Rom, San Francisco, Stockholm, St. Petersburg.
(Guellenangabe ehne Gewunn).
u Cternale d Ralla, Kone
Ausschnitt aus:
75 3. 1909
vom
2112
Uitime Maschere, ar A Schmfiher
al teatro Vane
Corrono Drutti tempi per i cosi detti mae.
stri del teatro straniero contemporaneo,
Laltra sera, gli speitatori dell'iirgentina fl¬
schiarono di santa ragione i magglore dei
commediografi inglesi virenti, Giorglo Ber¬
nardo Shaw: iert sera, ul Falle, und con¬
darina meno aspra nelle forme, ma. pur sem¬
pre severissime, & toccata al piü damoso de¬
gli autort austriack. Arturo Schnitzler. II
pubblico romano & fatto cosl: sceitico c
Frondeur, esso non si inchina alle ripuita¬
Zioni stabilite ne accetta d priori aleun la¬
woro per ció selo che porti una frma iilt¬
stre. Con questo terriblie pubblico, ogni au.
tere dere volta per volta ricomineiure da
capse tremare ###corà ccine un esodiente.
Futtavia bisogna dire che anche la dove
i neine di Artoro Schnitzler suscita reve¬
renza e andniruzione pin fervide di quelle
cha gli si concedono in Roma, ovegli e l’o.
pera sun sono da peco tempo noti, un drum.
mueninePime maschere potrà essere Stato
applaudite per rispertesa simpatia verso di
luf, ma quanto all’esser placiuto.., mi per¬
metto di dubitarne
##ime müschere k. meglio che un drain¬
##, un bezzeite drumimatiee dund tetrug¬
gine opprimente. Basterà riassumerne bre¬
veinente Fmtreccie, per für venire la ma¬
linccnia ui lettori. Ma 1o non so che furei:
la colpa é del signor Schnitzler. Dunque.
slamo in un ospedale di tnbercolotici. Due
ammalatl all’estremo stadio, il glornalista
Rademucher e Tattore Juchwert: questi si
iliunde ancora su le proprie condizionl, spe¬
ra di poter fra pochi giorni tornare al pal¬
roscenico. e invita glä mnedice infermieri
alla sua serata d’onore; Taltro non si illude,
pin, cupamente chiuse mella sua iristezza
silenziosa. Ma al medico che viene n fargli
la solitu inutile visita serale egli rivoige
una preghiera. Sa di dover morire presto,
fra poche ore. 10 sa, enon se ne dueie trop.
po, pur che gli sin data lu possibflità di ve¬
dere ancora il vecchio amtco Weingast e di
parlargi undultina volta., II dottore. natu¬
ralmente, consente e munda a chiamare 11
Eentgast, un pocta velebre. und gleria lot¬
deraria viennese, Rudemacher aspetta. e per
Isfogare ia sua imparienzu Conhda a Jach¬
wert perche egli desidert questo supremo
incontro cel celebre poeta. Non per affetto.
no: per odio e per vendetta. Egii, Radema¬
cher, iu costretto durante anni e annt a
mentire sul suo glornale un entusiasmo mer¬
cenario per quel ripugnante e fastidloso
ciarlatano: dovette tollerarne le arie di pro¬
lezione, Tingombrante vanita, il wliupereso
arrivisnlo: ora. prima di morire. dopo avere
seinpata la superiorità del suo ingegno nei
mestiere della proprin arte egli Mliende
Drendersi inalmente ia rivinciia e gridare
in faccla al buffone ci0 che ha sempre pen¬
sato di lui, e non questo solamente: per av.
velenare la vim a lni che ancora vivra, vuol
gridargli in facci chie unche la signora
Weingast ha sempre aruto sul conte del
marito le stesse opinioni di Rudemacher e
cile, molti auni innanzi. 10 ingannd con
questo, per dispregio dell’ucmo insigne e
insopportabile al quale erd legata..
atroce invettiva allat 1